PATRIMONIO STORICO

recupero, riqualificazione e valorizzazione di fabbricati e manufatti (patrimonio storico-culturale)

E’ possibile presentare domanda entro le ore 12 del 27 aprile 2021 secondo le modalità stabilite dal bando.

NOTA: Ai fini dell’istruttoria della domanda è necessario delegare il GAL alla consultazione del fascicolo aziendale (asset aziendale) su SisCo.
Senza questo passaggio il GAL non è in grado di visualizzare l’azienda e di conseguenza la domanda di partecipazione al bando.

SCHEDA INFORMATIVA

le brevi note di seguito riportate NON sostituiscono le disposizioni attuative specificate nel bando

Incentivi per il recupero e la valorizzazione del patrimonio rurale

Interventi di recupero, riqualificazione e valorizzazione di fabbricati e manufatti che rappresentano una testimonianza significativa dell’economia rurale tradizionale.

–   Enti Pubblici, in forma singola o associata
–   Fondazioni ed Associazioni non a scopo di lucro
–   Soggetti privati

A. Recupero strutturale e funzionale, restauro e risanamento conservativo, di piccole strutture tipiche del paesaggio rurale lombardo che riguardano le tipologie di architettura rurale individuabili negli edifici e nei manufatti realizzati tra il XIII ed il XIX secolo

B. Redazione di piani di promozione e informazione connessi alla valorizzazione, in termini ambientali, del territorio legato alla struttura oggetto di recupero o riqualificazione

Contributo in conto capitale
Possibilità erogazione di un anticipo del contributo concesso oppure stato di avanzamento.

Per ogni domanda di contributo la spessa ammissibile deve essere compresa tra un minimo di € 20.000 ed un massimo € 80.000 oltre IVA.

Contributo sulla spesa ammessa a finanziamento: tra 50% e 70%

Tipologia di uso pubblico della struttura fino a 35
Valorizzazione territoriale struttura in termini ambientali fino a 30
Innovazione delle modalità di fruizione fino a 5
Caratteristiche del richiedente fino a 30
PUNTEGGIO MASSIMO COMPLESSIVO 100

Presentazione domanda entro le ore 12 del 27 aprile 2021

ATTENZIONE: 

CONSULTARE IL BANDO per le disposizioni attuative della misura

NOTA SULLA PRESENTAZIONE PREVENTIVI:
Quando richiesti, i preventivi devono essere presentati rispettando le seguenti caratteristiche (salvo diverse indicazioni esplicitamente riportate nel bando):
– n.ro 3 preventivi
– redatti su carta intestata del fornitore
– firmati digitalmente dal fornitore
– indirizzati al beneficiario del contributo
– contenenti la data di emissione e la durata di validità

LISTE DI CONTROLLO per enti pubblici:
Al momento ci si deve riferire al DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76 Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitale. (20G00096) (GU Serie Generale n.178 del 16-07-2020 – Suppl. Ordinario n. 24) – Entrata in vigore del provvedimento: 17/07/2020 Decreto-Legge convertito con modificazioni dalla L. 11 settembre 2020, n. 120 (in S.O. n. 33, relativo alla G.U. 14/09/2020, n. 228)